Ascolta «Grazie al Podcast»: il Podcast del NoWhereBlog!

Sunday, December 31, 2006

Ogni lasciato… (2)

strip061231.png

Saturday, December 30, 2006

Aiutatelo!

Vi prego, aiutatelo! Vuole farla finita! babbo-suicida.jpg

Friday, December 29, 2006

Ogni lasciato…

strip061229.png

Thursday, December 28, 2006

Somebody save me!

Potrei dire che l’unico motivo per seguire qualcosa del genere è didattico, che cerco di capire fin dove posso farmi del male, et cetera, et cetera. Ma alla fine, cui prodest?
kristinkreuk.jpg
Allora, alla fine è divertente. Poi c’è gnocca, il che non fa nemmeno male, quindi…

Mi manca The O.C. . Nel senso che non l’ho mai seguito, non so i nomi dei personaggi, però la tipa co-protagonista (Marissa? Marissa.) me la ricordo :D

Ora, devo dire che questo Smallville in realtà non mi dispiace. Almeno è un personaggio di Superman un po’ più credibile. Talmente credibile che è sfigato. Ma dai, su. Su de dos!, come dicono a Catania. Fermi i missili con una loffa e poi “mah, chissà cosa penserebbe di me, cosa succede se le dico il mio terribile segreto, e blah, blah, blah”.

A parte questo, che vabbè, le critiche da muovere sono lo stile del telefilm. Non credo che tutti si siano resi conto della fotografia di Smallville; “fotografia” intesa come stile visivo della seria, non quella di Kristin Kreuk qui a lato. Ok, è un bel soggetto, ma io sto parlando del telefilm. Sì, sì, è una gnocca, ma io sto parlando del telefilm. OH, ALLORA! SILENZIO. Dicevo. I colori in Smallville sono sempre sparatissimi. Tendenzialmente, quando possibile, ogni cosa tende alle tonalità calde. La fattoria accogliente dove Clark vive, il Talon, l’ex locale di Lana (dove ora vive/lavora Lois). Ma, poi, no… la galera! Avete mai visto un carcere con le pareti rosse? E le sbarre blu? E non blu riflesso-del-metallo, ma proprio BLU…
allisonmack.jpg
Senza contare i capelli dei personaggi. Ma quanto sono pettinati? Che gel usano? Esplode una bomba? Hanno un collasso cardiaco? Però sono sempre pettinatissimi. Chloe - la bionda - sta male in mezzo ai ghiacciai dell’Alaska (o di chi sa dove), Clark con la super velocità la porta in un ospedale in Canada, e ora sta in un letto, stordita, però pettinatissima. Lui sopravvive a una testata nucleare, e gli si bruciano i vestiti; però niente gli tocca quel ciuffetto sbarazzino.

Sarà l’influsso dei meteoriti.

Ma non è nemmeno questo il punto, perché comunque lo guardo.

E registro Scrubs, di cui sono fan accanito, e di cui possiedo tre dei quattro cofanetti dvd disponibili (delle cinque serie uscite :D).

A Natale, quando a casa dei parenti non puoi fare altro che sederti in poltrona e cercare di non dormire mentre digerisci :D ho preso su una rivistaccia, credo “Dipiù”; leggo le recensioni dei programmi. Ora, non ricordo perfettamente il testo, ma era più o meno così.

Smallville, giovedì 28, Italia 1. Clark finalmente rivela a Lana il suo segreto e le chiede di sposarlo. Lana accetta, ma muore in un incidente. Clark chiede allora a Jor-El di riportarla in vita. Ma…

ma…??? MA COSA???? FIGLIO DI… MI HAI RACCONTATO TUTTO! “MA…? MA…???” MA VAFFANCULO, VA! :D

Ora, perché ho scritto questo sul mio blog? Perché se seguite Smallville, per un motivo e per l’altro spero di averlo rovinato un po’ anche a voi. Perché non è giusto dover soffrire da soli :evlaugh:

Vi voglio bene, e grazie per condividere il mio dolore (vestra sponte, peraltro) :D

EDIT: Ma che episodio del CA**O! A questo punto i casi sono due
1. Johnathan Kent resuscita in maniera ancora più assurda di Clark o Lana
2. Smallville decide che d’ora in poi il telefilm seguirà un corso diverso da quello del fumetto: voglio far notare, infatti, che nel fumetto, e precisamente nella saga della Morte di Superman, chi lo riporta in vita è proprio il padre (durante un coma, mi pare). Quindi il padre è ben vivo quando Superman è adulto. Bah. :ann:

Sunday, December 24, 2006

Natale (2)

strip061224-2.png

Natale (1)

strip061224-1.png

Buone feste dal NoWhereBlog!

xmas-reindeer.jpg
http://www.millan.ne … funp/100/deerz2.html

Auguri a tutti :qt:

Thursday, December 21, 2006

Se solo

- Sai, qualche volta mi chiedo…
- Cosa?
…se io non fossi stato “la Mega Libreria Fox” e tu non fossi stata “il Negozio Dietro l’Angolo”, e ci fossimo incontrati per caso…
- LO SO!
- …ti avrei chiesto il numero di telefono. E non sarei stato capace di aspettare neanche ventiquattr’ore prima di chiamarti e dirti… “senti, perché non ci vediamo per un caffé… o anche per un drink… o per una cena, o un cinema… «finché-morte-non-ci-separi?»”
- Joe…
- Io e te non saremmo mai stati in guerra, e avremmo litigato solo per quale videocassetta noleggiare il savato sera.
- Ma chi litiga per certe cose?
- Certi lo fanno. Non noi.
- No, noi no. Mai.
- Se solo.

Categories

Archives

Blogroll

Last 10 entries

Admin area