Ascolta «Grazie al Podcast»: il Podcast del NoWhereBlog!

Friday, June 29, 2007

Under no circumstance…

Denmark_street_sign.jpg

In questo momento dovrei stare studiando? Avete perfettamente ragione. Tra l’altro l’esame più vicino, che era il 9 è stato spostato al 6 (e ho avuto culo, perché poteva essere il 3).

Buon compleanno a me. Eccheccazz…

Marchetta…

Il blog Geekissimo.com lancia un concorso a premi(o) tra chi pubblica sul proprio blog un rimando al concorso stesso. In palio un Nokia N95. E hai detto niente.

nokia-n95OK.jpg

La scadenza è il primo di luglio. Tentar non nuoce…

Monday, June 25, 2007

Luther Blisset

Vi hanno pallonato.

luther-blisset.jpg

C’era da aspettarselo, e infatti immaginavo che fosse una grossa, grassa palla.

Non per altro, è che succede ogni volta! Ogni volta che deve uscire Harry Potter c’è un deficiente che riesce a penetrare nel sistema della casa editrice e trafuga le bozze. E poi è una cazzata.

Be’, insomma, ce l’hanno fatta anche questa volta, e, indovinate un po’, era una cazzata. :D

La cosa estremamente interessante però in tutto questo è che la bufala non è stata diffusa (solo) per gioco, ma allo scopo di illustrare come è possibile manipolare l’informazione; e voi sapete quanto questo argomento mi interessi (e se non lo sapete, fidatevi, ve lo dico io adesso).

La metodologia è quella delle operazioni strategico-psicologiche militari dette PsyOp.

La “ricetta”:

  • diffondi su canali adeguati false notizie;
  • infarciscile di dettagli plausibili — le tecniche per portare a termine il cracking — ma soprattutto
  • di temi popolari — l’hacker citava il papa
  • che piacciono ai giornalisti — l’hacker-che-penetra-nel-sistema
  • sfrutta i vantaggi che hai dal terreno su cui giochi — l’impossibilità per l’editore di smentire la notizia per non confermarla
  • aspetta che il mondo faccia il resto

Ovviamente ha funzionato.

Ora il punto è che questa era una cazzata anche senza essere una bufala.

Voglio dire che questa notizia ha un’incidenza decisamente scarsa sull’andamento del mondo. Ad esempio, niente a confronto con la riapertura dei provini per il Grande Fratello (l’hanno detto ieri a Studio Aperto… vedete quanto mi informo?).

Insomma, da noi stiamo già lavorando ai gelati alla buvette, e George è troppo impegnato a smettere di fumare per diminuire le sue emissioni di vapori tossici — sta anche facendo una dieta a basso contenuto di legumi — per pensare a queste cose.

Contemporaneamente, quante altre verità ci stanno tenendo nascoste annebbiandoci sul serio la vista con una fitta trama di cazzate?

Il gruppo che ha condotto l’operazione, guardate un po’, si firma Luther Blissett (a lato), che era un calciatore, ma è diventato sinonimo di signor nessuno (dopo la “carriera” al Milan, sembra).

Famoso per l’uso di questo nome è l’ora chiamato collettivo Wu-Ming (che appunto in cinese vuol dire “senza nome” o “cinque nomi”), i cui membri sono autori sotto questo pseudonimo del best seller mondiale Q.

Link correlati

Monday, June 18, 2007

Rai.tv

Riscontri positivi a seguito delle proteste dei molti navigatori che non potevano fruire dei contenuti del nuovo portale rai.tv.

Il funzionamento era limitato a Windows+Internet Explorer: non dico Linux, ragazzi, ma almeno Firefox o Opera su Windows! E poi, gli utenti Mac?

Comunque ora il portale dovrebbe essere accessibile anche agli altri, più o meno, a parte i formati video merdosini, ma vabbe’, meglio che un mazzo di rose in culo (come diceva un mio amico).

Tra le meravigliose perle a cui tutti ora possiamo accedere, gli episodi di Colpi di Sole1, che è tipo Camera Café o Love Bugs, però più brutto.

giorgia-surina.jpg

Sì, anche più brutto di Love Bugs con Giorgia Surina.

Non per Giorgia Surina, che è un sogno erotico per molti di noi fin dai tempi di Junior TV. Neanche per Solfrizzi, che non è un sogno erotico, almeno per il sottoscritto, ma che comunque è simpatico. E’ solo che la coppia (a mio parere) non funziona…

Veniamo al dunque, però, di rai.tv in effetti cosa ce ne frega?

Ho scoperto che tra i podcast potete anche scaricare quello dell’Albero Azzurro; sono certo che nel target del programma rientrano anche piccoli nazisti con le competenze tecniche minime per scaricarsi un podcast sul loro iPod e potersi seguire anche in giro gli episodi.

Se non fosse chiaro, dubito che un piccolo nazista che ha l’iPod, per quanto piccolo, muoia dalla voglia di guardare sul suo iPod Dodò.

E comunque lo sappiamo tutti, le serie nuove dell’Albero Azzurro hanno sempre fatto cagare. Anche quelle con l’emporio di Empirio. Lo so, lo so. Siete morti un po’ dentro, ma quando una cosa va detta, va detta.

Rivogliamo Claudio e Francesca! :cry:

Dodo.jpg

Avanti, su, firmiamo una petizione per riportare Claudio e Francesca all’Albero Azzurro. E poi rivogliamo anche il vecchio doppiatore di Dodò, ma non ho idea di quale tra questi sia quello che ricordo io.

Il doppiatore di Dodò è cambiato, non ci sono più Claudio e Francesca e gli episodi sono pieni di decine di pupazzi e personaggi. Giusto per intenderci, non seguo assiduamente le nuove serie dell’Albero Azzurro, ma mi è capitato di vedere lo scempio, a volte. Sniff. :cry: 2

Forza, diamoci alla tristezza, e parliamo dei bei tempi andati, mentre alla TV (mi dicono) torna Il mistero della pietra azzurra, che non avevo mai seguito, poi quando lo replicarono per l’ultima volta, vidi che era carino e mi ripromisi di rivederlo.

Non l’hanno più replicato fino ad oggi.

Ah, già che sono qua, rivoglio anche Il conte Duckula.

PS: Domani ho il compito di Fisica… ARGH!

Footnotes

  1. al link, un episodio con la Littizzetto, quindi almeno questo fa abbastanza ridere, più che altro perché insulta gli altri :D ^top
  2. Sono certo che il prodotto sia di qualità e adeguato al pubblico a cui è indirizzato, questi sono solo commenti di un nostalgico. Lo dico qualora un qualche autore RAI passasse di qua e si offendesse :D ^top

Wednesday, June 13, 2007

I problemi del mondo

Effetto serra? Macché!

294606555_b2a5f02598_m.jpg

Cioccolato o crema? Quali sviluppi per fragola e limone? E il pistacchio?

[via: Morpheu5]

Saturday, June 9, 2007

I grandi otto

Si sono riuniti due giorni fa i Grandi Otto (da non confondere con i Sinistri Sei). Argomento principe della discussione il clima.

420512535_69e43955b0_m.jpg

Mentre ancora qualcuno (minoranza di minorati) sostiene che il progressivo innalzamento delle temperature sia dovuto a fluttuazioni climatiche naturali e non all’intervento umano, i Nostri si sono invece rimboccati le maniche, loro - bravi! applausi! -, per ridurre le emissioni del 50%! Mica cazzate! Epperò han deciso che lo faranno entro cinquant’anni. Se la prendono alla larga, però poi vedrai che ci mettono di meno.

La stessa cosa che avevo detto per la prima prova di fisica, ad aprile. Poi ho impiegato tutte le tre ore. Però io almeno il compito l’ho finito.

Ma non voglio soffermarmi anche io sul fatto che cinquant’anni sia un periodo ridicolmente lungo.

156305988_bcdffff71a_m.jpg

Quello che in realtà spero sinceramente a breve termine è che quest’estate sia vivibile, e non micidiale come quella di pochi anni fa, con trenta gradi in casa, in montagna… se il tempo continuasse anche con questa variabilità dai 15 gradi della mattina ai 27 di mezzogiorno, ci metterei comunque la firma (anche se certo non è un buon segno).

La cosa divertente è che l’Unione Europea esulta perché sono riusciti a far ammettere agli Stati Uniti che forse c’è un problema, e quindi magari ci pensano.

Be’, dai, però, effettivamente han ragione, eh? In fondo ammettere di avere un problema è un pur sempre il primo passo.

530145352_c437242642_m.jpg

E infatti, me li immagino, tutti e otto, seduti con le sedie in cerchio, e poi George che si alza e fa:
«Ciao, io sono George. E ho un problema con le emissioni di CO2 nell’atmosfera.»
«Ciao, George.» gli altri, in coro.

Bravo George, sappiamo che ce la puoi fare, noi crediamo in te.

Tuesday, June 5, 2007

Terza persona

A volte è come se mi guardassi dal di fuori; come se avessi staccato un morso di mela, e vedessi chi sono.

98022884_d9b13b9961_m.jpg

Vedo quello che dovrei volere, e vedo che consapevolmente mi ostino a rifiutarlo, e probabilmente a volere troppo, pur sapendo dentro che non l’avrò mai.

Ma è così facile allora non biasimarsi, se si ignora che il traguardo scelto è quello sbagliato, e si persevera, imperterriti: il fallimento è in conto, se non certo.

Vedo ciò che sono (o credo di vederlo); gli altri, che non si vedono, saranno felici?

Ma anche non fosse, a che giova conoscere il proprio limite, se poi si è tanto vigliacchi da non superarlo, e se l’unico coraggio è ammettere la propria codardia?

A che serve, se non a sentirsi peggio?

Ma io non vedo tutto. Spero sempre di sbagliarmi.

Ieri sera, ore 23,30

Monday, June 4, 2007

Ricaduta?

Cos’è, quest’ansia?

Categories

Archives

Blogroll

Last 10 entries

Admin area